Serendipity

Proportion
4.5
(22)

Vi è mai capitato di scambiare un ingrediente e scoprire che la torta al cioccolato risulta ancora più gustosa? Avete sbagliato ad ordinare un libro, scoprendo così il romanzo della vostra vita in modo del tutto casuale? Vi siete presentati ad un appuntamento trovandovi nel posto sbagliato, al momento sbagliato e nell’attesa avete incontrato un vecchio amico che non vedevate da anni?

Pensate si tratti di un caso?

No. Il fenomeno è ben più complesso.

Quello che gli antichi chiamarono sorte o fato, nel 1754 lo scrittore inglese Horace Walpole definì “serendipity”.

Il termine serendipity indica la fortuna di fare felici scoperte per puro caso e, anche, il trovare una cosa non cercata e imprevista mentre se ne stava cercando un’altra. 

Wikipedia

Anche per il noi il successo arriverà per caso?

La serendipity si è rivelata essenziale per molte scienze quali la medicina, l’economia, la fisica e naturalmente la geografia!

Le scoperte casuali accompagnano tutta la storia dell’uomo. Plinio il Vecchio, nel suo “Naturalis Historiae” racconta che alcuni mercanti fenici usarono i blocchi di nitrato che trasportavano per appoggiare le loro pentole sul fuoco. Questo materiale, fondendosi con la sabbia, si trasformò in vetro.

Nel 1853 il cuoco americano George Crum, esasperato dall’insoddisfazione di un cliente, cucinò delle patate fritte sottilissime e con molto sale. Il piatto ebbe un tale successo che si diffuse presto in tutto il mondo.

Saratoga chips, le originali.

Nel 1905 in una gelida notte invernale l’undicenne Frank Epperson per dimenticanza lasciò sul davanzale della finestra un bicchiere con acqua, soda e il bastoncino per mescolarle. 18 anni dopo ottenne il brevetto per portare all’umanità il ghiacciolo.

Nel 1928 la casuale contaminazione di una piastra di coltura con della muffa ha portato lo scozzese Alexander Fleming a scoprire la penicillina.

Nel 1945 l’ingegnere Percy Spencer compiva studi per la Raytheon Company, importante azienda statunitense nel settore della difesa. Il suo obiettivo era migliorare e rendere più precisi i radar. Quando si accorse che la barretta di cioccolato nella sua tasca si era sciolta capì che il suo nome non sarebbe passato alla storia legato all’industria bellica. Il suo infatti lavoro ha portato all’invenzione del forno a microonde (e per questo non lo ringrazieremo mai abbastanza!)

Il ricercatore Spencer Smith nel 1968 stava brevettando una super colla. Il suo fallimento e la fortuita scoperta di una colla che non lascia tracce ha portato al più grande alleato di tutte le mogli del mondo: il Post-it.

L’elenco delle scoperte casuali è davvero impressionante: la Coca-Cola creata come farmaco per il mal di testa e mal di stomaco (paradossale no?), il viagra nato dalla ricerca di una cura per l’angina pectoris, il teflon prodotto durante studi sui refrigeranti, Pavlov che scoprì i riflessi condizionati durante studi veterinari sulla salivazione dei cani.

E ancora. Cosa può succedere a due cuoche che dimenticano il fondo della torta? La creazione della Tarte Tatin, naturalmente.

E alla lista si possono aggiungere le scoperte dei raggi X, del pianeta Urano, delle interfacce utenti tangibili, dei neuroni specchio, del prozac, del cellophane, della dinamite, delle radiazioni cosmiche di fondo… giusto per citarne qualcuna!

E come non citare il caso di serendipity che ha segnato l’infanzia di intere generazion? Ricorderete tutti quando “un giorno di pioggia Andrea e Giuliano incontrano Licia per caso” e proprio da quel fortuito incontro nasce la love story per eccellenza degli anime giapponesi anni ’80.

Passiamo ora alla geografia.

Inseguendo una libellula in un prato,

Un giorno che avevo rotto col passato

Quando già credevo di esserci riuscito

Son caduto.

Lucio Battisti, Mogol

Questa celebre canzone calza a pennello per descrivere la serendipity dell’entomologo tedesco Wilhelm Kattwinkel, che nel 1911 inseguendo una farfalla, cadde. La sua caduta ha portato alla scoperta di una faglia che mostra stratigrafie che permettono di conoscere i cambiamenti climatici ed ambientali di qualche milione di anni. Le prime ricerche e gli studi della gola di Olduvai, uno dei più importanti siti archeologici africani, sono iniziati così, per un fatale ruzzolone.

Scavi di infrastrutture per migliorare i collegamenti e la funzionalità di affollate metropoli moderne portano casualmente alla luce resti di città antiche.

Città sotterranea di Derinkuyu, scoperta durante i lavori di ristrutturazione di una casa.
Resti romani a Sofia, scoperti durante i lavori per la metro.

Il lavoro della terra non sempre produce solo grano ed ortaggi.

Un agricoltore del Michigan coltivando soia ha trovato lo scheletro di un mammut che lo stava aspettando da 15.000 anni.

Pensate alla delusione di un povero contadino cinese che voleva scavare un pozzo e non ha trovato nemmeno un goccio d’acqua ma 7000 guerrieri di terracotta che sorvegliano la tomba dell’imperatore!

Il turismo alpino non solo sostiene l’economia dell’Alto Adige, ma ha portato a molte scoperte del tutto casuali. Come quella fatta da due tedeschi che nel settembre del 1991 stavano facendo delle escursioni nelle Alpi dell’Ötztal. I due pensarono di aver trovato il corpo di uno sfortunato alpinista ed invece avevano scoperto la mummia di un uomo del 3000 a.C. (soprannominata Ötzi ).

E vi ricordate di quel marinaio genovese che cercando una via più breve per le Indie scoprì l’America? Credo si chiamasse Cristoforo Colombo e la sua scoperta del tutto casuale ha dato inizio all’epoca moderna.

A volte le strade più panoramiche della vita sono le deviazioni che non si aveva intenzione di prendere.

Angela N. Blount

La missione geografica di oggi consiste nel fare incredibili scoperte casuali e condividerle con il mondo.

Come fare?

  • Convogliare la serendipità verso di noi scollegando casualmente il GPS del navigatore, lasciando guidare la suocera o chiedendo indicazioni esclusivamente a turisti giapponesi (se riuscite a trovarne in questo periodo).
  • Avere occhi, orecchie ed animo allenati ad accogliere l’imprevisto

Il caso favorisce solo le menti più preparate.

Louis Pasteur

Se non fosse stato per la mia precedente esperienza, avrei subito buttato via la piastra perché contaminata, come molti batteriologi devono aver fatto prima di me. E’ molto probabile che altri ricercatori abbiano visto in una coltura gli stessi cambiamenti che ho osservato io, ma, in assenza di un interesse particolare per le sostanze antibatteriche naturali, le colture andate a male siano state immediatamente gettate. Invece di eliminare la coltura contaminata, io feci alcuni esperimenti. […] l’idea iniziale è dovuta all’intraprendenza, al pensiero, all’intuizione dell’individuo.

Sir Alexander Fleming, Discorso del 1951.

  • Lasciarsi coinvolgere e stupire da ciò che vediamo.

L’irregolarità, ossia l’imprevisto, la sorpresa, lo stupore sono una parte essenziale e la caratteristica della bellezza.

Charles Baudelaire

Riporto di seguito le mie scoperte geografiche frutto di serendipity :

Borgo di Zuccarello (SV), scoperto il 24 giugno 2019, cercando di sfuggire al traffico della Genova-Ventimiglia e raggiungere Torino con strada alternativa.

Cavallerizza Reale di Torino, scoperta il 22 febbraio 2019, nel tentativo di evadere dal traffico della centralissima via Po e raggiungere autobus in tempo.

Costa de Caparica, Portogallo

Costa de Caparica, scoperta il 9 agosto 2012, dopo aver imboccato per la seconda volta al contrario il ponte Vasco de Gama con l’intenzione di visitare Lisbona.

Ora tocca a voi. Condividete le vostre geo-scoperte frutto di serendipity sui social senza dimenticare il nostrotag @missionigeografiche e la parola chiave:

#serendipity

Quanto ti è piaciuta questa missione?

Clicca sulle stelle per votare!

Media punteggio: 4.5 / 5. Votanti: 22

Ancora nessun voto! Vota per primo questa missione!

4 Comments

  1. È la prima volta che visito il sito, ed essere accolto dalla serendipity mi ha fatto molto piacere

    1. Se la serendipity ti ha guidato nel primo incontro…ora sai dove trovarci! Ti aspettiamo per le prossime missioni.

    1. Certo! E anche farinata, insalata russa, risotto alla milanese, babà, Nutella, corn flakes, Champagne, Barolo, l’aceto balsamico, LSD, mauveina, teflon, velcro, neuroni specchio, il pianeta Urano… sembra che un gran numero di scoperte siano state fatte per caso!!!

      Aggiungete tutti i casi di Serendipity che conoscete!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *