Storie da casa

Proportion
Categories: Adulti, Al chiuso, Ragazzi
4.2
(10)

Dall’alba dei tempi, le storie hanno tenuto compagnia ad uomini e donne, ragazzi e ragazze, bambini e bambine.

Una storia ben scritta non è solo un’opera d’arte ma rappresenta anche una preziosa occasione di crescita personale.

Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso.

Daniel Pennac

Tutti abbiamo fatto l’esperienza di leggere una storia.

Ma quanti di noi ne hanno mai scritta una?

Scrivere non è facile e nemmeno per tutti. Però ci sono vari stratagemmi che possono aiutarci a superare la sindrome da foglio bianco e scrivere un buon testo.

Oggi vogliamo condividere con voi una strategia spaziale, che vi permetterà di raccogliere gli elementi giusti per poter consegnare al mondo una storia nuova di zecca, coniata proprio qui e ora, grazie a casa vostra.

Ebbene sì, per cominciare avete bisogno di una planimetria della vostra casa. Fatto?

Bene, da geografi resistiamo alla tentazione di confrontarla con la planimetria della vostra casa per valutarne la precisione, qui ci occupiamo di altro.

Ora prendete una penna e visitate tutte le stanze della casa (anche sgabuzzini, sottotetto e bagni) a partire dalla stanza in cui vi trovate.

In ogni stanza che visitate, annotatevi la prima parola sensata che incontrate. Il risultato potrebbe assomigliare a questo:

Ad ogni stanza, associamo una parola

Cerchiamo parole esplicite come quelle che possiamo trovare su etichette, oggetti, schermi, linguette, imballaggi vari. Ad esempio queste:

Collage con le parole trovate nelle varie stanze di casa.

Ora guardate il vostro elenco e iniziate a liberare la fantasia. Scegliete dalla lista i vostri protagonisti e iniziate ad immaginare quale possa essere lo svolgimento e la sua conclusione.

Ora non vi resta che concentrarvi, mettere in fila le parole è scrivere!

Questo qui sotto è il mio risultato… anzi, il nostro visto che ha coinvolto tutta la famiglia! Come vedete, potete certamente fare meglio 😉


L’amicizia

Damiano è disteso sul divano. Lentamente gli affiorano i ricordi del suo viaggio in India dove anni prima ebbe l’occasione di andare a vedere come si produceva il sapone. Ciò che lo colpì è che il sapone veniva tagliato con uno spago. Non dimenticherà mai quando tornando dalla dimostrazione la sua auto si fermò per mancanza dell’olio e dovete aspettare l’aiuto della più improbabile dei soccorritori. Cindy era alla guida di una Citroen bianca con una banda rossa e stava andando a pescare. Lungo la strada lo vide e si fermò ad aiutarlo. Nacque in quel momento una stupenda amicizia.
Il suono del campanello interrompe i suoi pensieri. È il postino. Gli consegna una busta che profuma di spezie e porta diversi francobolli colorati. Arriva dall’India.
La loro amicizia si arricchisce di un nuovo capitolo.

In rosso le parole trovate nelle varie stanze e riportate nel collage sopra.


Condividete le vostre storie nei commenti qui sotto o sui social includendo il nostro hashtag #missionigeografiche e la seguente parola chiave:

#storiedacasa

Quanto ti è piaciuta questa missione?

Clicca sulle stelle per votare!

Media punteggio: 4.2 / 5. Votanti: 10

Ancora nessun voto! Vota per primo questa missione!

4 Comments

  1. Ottimo sito, Sto trovando degli spunti molto interessanti per far lavorare i miei bambini di quarta e quinta elementare, non solo per la geografia, ma anche in italiano, musica. Bravi!

    1. Grazie Monica per il tuo graditissimo riscontro! Restiamo in contatto! 😉

  2. Divertenti, stimolanti, creative… queste missioni mi piacciono moltissimo! Grazie per gli spunti, li uso con ragazzi di quinta primaria, ma anche in casa.

    1. Super!! Se hai qualche prova inconfutabile della tua dedizione alle missioni e vuoi condividerla con noi, sentiti libera di farlo!! 😉

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *