C’era unAVOlta

Proportion
Categories: Adulti, Al chiuso, Ragazzi
4
(22)

Ogni famiglia può essere paragonata ad un albero.

Ci sono famiglie a forma di quercia, sequoia o pioppo. Altre a forma di carpino o melograno. Altre ancora a forma di ulivo nano.

Nella tradizione paleonoiotica degli alberi genealogici, le radici rappresentano di fatto i nostri genitori, i loro genitori, i genitori dei loro genitori e avanti così fino alla notte dei tempi.

La schiera dei genitori dei nostri genitori, per ciascuna famiglia, può essere riassunta dalla parola AVI (no, il comune formato di file video non c’entra niente con loro).

Capito di cosa stiamo parlando?

Ciò che gli alberi genealogici non dicono è però il dove hanno messo radici questi alberi. Pertanto, da bravi geografi, crediamo sia giunto il momento di (ri)portare alla luce le radici.

Le radici sono importanti nella vita di un uomo, ma noi uomini abbiamo le gambe, non le radici, e le gambe sono fatte per andare altrove.

Roman Payne

La missione richiederà pazienza e la disponibilità di tempo che solo una pandemia mondiale potrebbe offrire. Che sia il momento giusto?

Quel muro sullo sfondo c’è ancora? Dove si trovava?

Il modo migliore per cominciare è interrogare i propri genitori e i propri nonni.
Chi ha già un albero genealogico in famiglia sarà ovviamente avvantaggiato.

La domanda chiave da porre è:

Dove hanno vissuto?

L’obiettivo è quello di recuperare gli indirizzi specifici in cui hanno abitato i tuoi genitori durante la loro vita, e dove hanno vissuto i tuoi nonni e i loro genitori durante la loro vita.

Questa non è una missione per chi si scoraggia facilmente… e potrebbe portarvi lontano. Quanto lontano vi porterà?

#moltomoltolontano

Una volta trovati gli indirizzi in cui hanno vissuto i vostri avi provate ad andare a vedere con Google Street View o in presenza, se esiste ancora l’edificio in cui hanno abitato o se nel frattempo qualcosa lì è cambiato.

Se avete fotografie a colori o in bianco a nero, usatele per confrontare le diverse situazioni. Quali cambiamenti potete notare?


Condividi le tue scoperte nei commenti qui sotto o sui social includendo il nostro hashtag #missionigeografiche e la seguente parola chiave:

#CeraunAVOlta


Il titolo e l’idea di fondo di questa missione è ispirata al lavoro di Anna Della Negra, Alice Della Vedova Merlo, Loriana Poci, Deborah Vogrig, Alessia Zilli, studentesse di Scienze della Formazione Primaria dell’Università di Udine.

Quanto ti è piaciuta questa missione?

Clicca sulle stelle per votare!

Media punteggio: 4 / 5. Votanti: 22

Ancora nessun voto! Vota per primo questa missione!

2 Comments

    1. Grazie del riscontro! Sarà un piacere leggere altri tuoi commenti 😉

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *